Come comunicare la sicurezza in azienda

21 gennaio 2022
come-comunicare-la-sicurezza-in-azienda-Lineevita

Le informazioni che rilasciamo all’interno del contesto aziendale, riferendoci alla sicurezza, hanno un peso tale che influenzeranno il comportamento delle risorse condizionando di fatto la percezione dei pericoli che li circondano e la consapevolezza dei propri ruoli.

Infatti è di notevole rilevanza comunicare tutte le informazioni necessarie che ci consentono di lavorare in piena sicurezza, ma soprattutto sono importanti le modalità e i canali che si usano per trasmettere le informazioni in maniera efficace, ovvero chiare, comprensibili, interattive.

Ricordiamo che il Decreto legislativo 81/2008 sottolinea la necessità di informare e formare i lavoratori sui rischi e ricorda che le informazioni devono essere facilmente comprensibili per i lavoratori permettendo loro di acquisire le dovute conoscenze.

 

In Italia sono molteplici le cause che contribuiscono a incidenti sul luogo di lavoro per citarne alcune:

  • Un’errata percezione del rischio da parte del lavoratore;
  • Corsi di formazione inadeguati;
  • Ritmi di lavoro rigidi;

La formazione, quindi, è un aspetto centrale. L’articolo 37 del Dlgs 81/08 approfondisce l’aspetto formatore definendo caratteristiche non esclusivamente tecniche ovvero quelle tecniche di comunicazione comprese nelle cosiddette Non Technical Skills, considerate una componente aggiuntiva della sicurezza.

Un manager o un formatore che riesce a farsi capire da tutti, a scanso di equivoci, non solo riduce notevolmente i margini di errore e di incertezza, ma riesce a rafforzare anche le relazioni tramite la creazione di un sano rapporto di fiducia. Senza una comunicazione efficace, il nostro messaggio può trasformarsi in errore, incomprensione, frustrazione, o anche in un disastro per essere stato frainteso.

Quali sono i metodi migliori di comunicazione?

Avere più tecniche di comunicazione significa essere più sicuri che il messaggio venga recepito correttamente, evitando di dare informazioni inadeguate e comunicare con aggressività  o con passività.

Se vogliamo riassumere alcuni punti focali per una comunicazione efficace risulterebbero tali:

  • Sviluppare delle competenze adeguate sull’argomento e comunicarlo sempre in modo professionale.
  • Cercare di comprendere l’interlocutore (empatia) spingendolo quindi a fare domande  e discussioni, aumentando la confidenza.
  • Assumere un atteggiamento rivolto alla comprensione con una postura e un tono della voce appropriato al contesto evitando una gestualità eccessiva.
  • Essere assertivi; bilanciando e rispettando le opinioni proprie e del destinatario assumendo un atteggiamento aperto e disponibile

 

Come riconoscere i risultati di una buona comunicazione?

Da tenere presente che i risultati si misurano con i feedback da parte dei destinatari , nonché la percezione dell’ascolto attivo da parte di tutti gli interlocutori durante l’incontro nonché l’aver creato un certo grado di confidenza reciproca.


NEWSCORRELATE
d-lgs-81-08-lavori-in-quota-Lineevita

D.lgs 81/08 : lavori in quota

Leggi tutto
ot23-anno-2023-contributo-al-miglioramento-della-sicurezza-Lineevita

OT23 Anno 2023: Contributo al miglioramento della sicurezza

Leggi tutto
accordo-inl-inail-passi-in-avanti-in-tema-di-vigilanza-e-prevenzione-Lineevita

Accordo INL – INAIL: Passi in avanti in tema di vigilanza e prevenzione

Leggi tutto
Richiedi subito aiuto a un nostro esperto Rispondiamo in 4 ore Oppure chiamaci lun-ven | 8.30-12.30 | 14.00-18.00
NUMERO VERDE 840 000 414 GRATUITO
LINEE FISSE +39 0363 938 882 - +39 0363 998 894